Chetteleggi: leggi un libro o una lavatrice?

by

Date dom 09 agosto 2015Tagschetteleggi /progetti

Questa settimana ho lavorato poco suChetteleggi. Il grosso del tempol’ho impiegato per consegnare gli ultimi lavori prima dell’inizio delleferie e in qualche rogna famigliare.

Comunque, qualcosa ho fatto: una piccola modifica per il sito, unagrande… no, è piccola e basta. Amazon divide i prodotti in categorie(libri, elettrodomestici, dvd eccetera) e in sottocategorie: librigialli, libri d’arte, fantascienza, biografie eccetera. Volevoalleggerire il form usato per inserire un consiglio demandando ad Amazonil compito di attribuire una categoria al libro. Ci sono riuscito sì eno. Sì nel senso che trovare il tipo di prodotto (libro) è facile. Lasottocategoria è un altro paio di maniche.

Innanzitutto, un libro può, giustamente, appartenere a piùsottocategorie. Ecco unesempio.

Se leggi i dettagli, vedrai che appartiene alle categorie

Libri > Arte, musica e cinema > Storia dell'arte, teoria e critica

Libri > Società e scienze sociali > Studi culturali e sociali

Quale categoria prendere? La prima, Storia dell’arte, teoria e critica,o la seconda, Studi culturali e sociali? A quale categoria fermarsi? AdArte, musica e cinema o andare fino in fondo? La domanda è meno banaledel previsto.

Guarda La finedell’eternità :

Libri > Fantascienza

E ora guardaHyperion :

Libri > Fantasy

Kindle Store > eBook Kindle > Fantascienza,

Horror e Fantasy > Fantasy

Ma:

Kindle Store > eBook Kindle > Fantascienza, Horror e Fantasy > Fantascienza

Se è cartaceo, la sottocategoria è al primo livello di profondità. Se èin formato digitale, c’è di mezzo Fantascienza, Horror e Fantasy.

Capisci quindi che è complicato capire quale categoria prenderedovendone scegliere una, per le solite esigenze di leggerezza, e anche ache livello di profondità fermarsi, perché in alcuni casi basta ilprimo, in altri bisogna andare più a fondo.

E mi sono appena accorto di un’altra cosa: l’edizione di Hyperion che holinkato sopra è quella Kindle. Per quella con la copertina flessibile,la categorie è

Libri > Fantascienza

Insomma Amazon, decidi! E’ un libro fantasy è un libro di fantascienza?

ENeuromante?Guarda tu stesso: in formato Kindle non è un libro di fantascienza, concopertina rigida o flessibile, sì.

Non è un problema irrisolvibile, ma non è un problema che io possorisolvere con le mie capacità attuali di programmazione.

In fondo ricorda che io non sono un programmatore e per fare tuttoquesto opero un po’ come il Dottor Frankenstein: prendo pezzi qua e là,gli do una sistemata, cucio tutto assieme, attacco la corrente e speroche vada tutto bene. Con la differenza che io non sono il DottorFrankenstein, io sono Igor.

Il lavoro comunque non è stato completamente inutile: anche solo averel'informazione se un prodotto è un libro o meno è utile. Posso inserireun sistema che rifiuti un suggerimento se il link amazon punta non a unlibro ma, che so, a una lavatrice. Oppure, posso estendere il concettodi Chetteleggi anche ai suggerimenti su film, serie tv, musica elavatrici.

Una cosa non complicata in assoluto, ma complicata per me e più urgenteè permettere il login con Twitter oltre che con Facebook.

Non so se l’ho già scritto, in caso di mi ripeto. Inizialmente avevopensato a un sistema di suggerimenti anonimi. Ma poi ho riflettuto e hopensato che il valore di un consiglio sta nella persona che ci dàquell’opinione. Quindi, no all’anonimato.

E però io sono un grande fan dell’anonimato online e Facebook èesattamente il contrario di questo: l’identità assoluta e un po’ piatta.Su Twitter invece puoi essere te stesso, ma puoi pure proiettareun’altra identità. Ed è con quella che vuoi essere conosciuto e vuoidare consigli.

Quindi potersi loggare con Twitter è importante. E’ questo quello su cuilavorerò la prossima settimana, al netto di un bisogno di riposo semprepiù irrinunciabile. Se riesco, inserisco pure la possibilità di poter“preferire” o “cuoricinare” un suggerimento, sia per mostrareapprezzamento verso chi l’ha scritto che per potersi creare unarudimentale lista dei desideri.

Andrea Nicosia

Andrea Nicosia

Uso e insegno a usare storie, strumenti narrativi e design fiction per campagne di marketing e influenza, progettazione di prodotti e servizi.