Cosa c'è di sbagliato in questo video?

by

Date lun 30 dicembre 2013Tagsdesign fiction /tecnologia /urbanistica

Schermata-A Day Made of Glass | Home - Mozilla
FirefoxCorning, uno dei maggioriproduttori mondiali di vetro e ceramica ad alta tecnologia, nel 2011 haespresso la sua visione del futuro: a day made ofglass. Il video quisotto è la sintesi di questa visione.

Vediamo se capite cosa c'è di sbagliato.

Non parliamo della sovrabbondanza di schermi e dell'implicitaaffermazione che tutte le nostre future interazioni avverranno con unoschermo. Il vetro è il prodotto di Corning e non possiamo fargli unacolpa se ignora qualsiasi altra forma di interfaccia e metodo diinterazione basato sul tempo, sulla locazione, sulla prossimità conun'altra persona eccetera.

Il problema è più grave e comune a molti esempi di design fiction comequesto.

Il problema è che qui non viene descritto un prossimo futuro, ma ilrecente passato. Escludendo la strizzata d'occhio alla modernità, conla madre che va a lavorare e il padre che rimane a casa, quella chevediamo qui è la giornata media della famigliola americana ideale deglianni '60.

La villetta nei sobborghi.

L'automobile (con un solo passeggero) per andare a lavorare in città.

L'ufficio tradizionale.

Il centro commerciale.

Il negozio fisico, con un magazzino.

E la sera, tutti davanti alla TV.

Non si può fare una colpa a Corning se, nel 2011, non prendeva inconsiderazione le auto che si guidano da sole o i Google Glass o altretecnologie di aziende concorrenti - o comunque di aziende altre,poiché nel mondo ideale non c'è spazio per aziende diverse da quelle cheproducono la design fiction - ma ci sono altri elementi in questo videoche dimostrano una capacità di ipotizzare il futuro prossimo pari aquella vista qui sotto:

Dov'è la tendenza delle nuove famiglie a preferire di vivere nellecittà, anziché nei sobborghi? Dove sta la tendenza ad abbandonare l'autodi proprietà, la guida con un solo passeggero? Che fine ha fatto lapromessa del telelavoro (che dovrebbe essere abilitato da tutti queglischermi e quella connettività)? Come mai viene riproposta un'esperienzadi acquisto che riflette una gestione del punto vendita che proprioschermi e connettività stanno superando? Dove sono tutte le innovazionisociali, i cambiamenti nella vita quotidiana causati da una modificanelle preferenze delle persone e dall'utilizzo di nuove tecnologie?

La mia critica è sul peso dato al video. Se lo avessero chiamato"pubblicità" o "video promozionale", o "se queste tecnologiefossero pronte oggi..." perfetto, niente da dire.

Ma se leggete il sito, soprattutto laFAQ vedreteche quella è proprio la visione del futuro di Corning. Ovviamente èmarketing speak, ma sai che c'è? Se tu scrivi una cosa, io ti faccio lepulci su quello che hai scritto. Poco importa se lo hai scritto su unvolantino pubblicitario o sulla nota di accompagnamento del bilancio. Lohai scritto, sei responsabile.

Poi c'è il discorso dell'integrazione seamless, sono critico pure suquello Per le ragioni scritte da uno molto più bravo dime.

Proprio nel 2011 avevo citato una discussione interessante su Quora:com'era la vita quotidiana prima deicellulari.Basta leggere quel thread, basta che facciate mente locale alla vostravita prima dei cellulari e poi guardiate di nuovo A Day Made of Glassper vedere quanto, al di là della patina di tecnologia, non descrivabene neppure il presente.

Nel 2012 Corning ha rilasciato A Day Made of Glass2. Ha gli stessi problemidel primo nonostante sia passato un anno.

Buon proposito per il 2014: siate più critici con la design fiction!

Andrea Nicosia

Andrea Nicosia

Uso e insegno a usare storie, strumenti narrativi e design fiction per campagne di marketing e influenza, progettazione di prodotti e servizi.