Tutta la potenza di un quadro mentale

by

Date mer 05 agosto 2015Tagsapofenia /uber

— Questo testo è apparso in originale come sesto invio della newsletterApofenia

Buongiorno da Roma. Se non sei tu ad andare sul set di Zoolander 2, è ilset di Zoolander 2 che viene da te. E che poi se ne va.

++

Una delle mie figure storiche minori preferite è senza dubbio NortonI, Imperatore degli Stati Unitid'America.Un abitante di San Francisco che, per una serie di motivi, il 17settembre 1859 si proclamò imperatore degli Stati Uniti. La reazione deisuoi concittadini fu "ok!". Alla sua morte 21 anni dopo fu sepolto contutti gli onori, accompagnato da un corteo funebre di 10.000 persone.

Cito spesso Norton I in corsi e workshop, perché la sua figura si prestabene per tutta una serie di esempi. Al termine di una lezione unapersona mi chiese come mai un matto che si era proclamato imperatorefosse stato così benvoluto dai suoi contemporanei. La risposta mi vennespontanea ed era corretta: "Perché era una brava persona."

++

Non ci sarebbe bisogno di scrivere su Uber, ha già detto tutto ciò chec'era dadireAdam Greenfield.

I problemi di Uber sono due. Il primo è il servizio. Che non sarebbeun problema, perché a quanto mi dicono funziona ed è utile. E' il modoin cui il servizio viene offerto. L'arroganza della società che looffre. Che è il motivo per cui io non lo userò.

Il secondo è il modo in cui Uber propone sé stessa agli occhi dellepersone. O, che è anche peggio, come i tifosi di Uber, edell'innovazione a tutti i costi, inquadrano Uber rispetto alla realtàin cui opera.

Questo inquadramento è "Uber contro la Lobby dei Tassisti". Ovvero,la piccola società innovativa (la piccola Uber è valutata qualcosa tipo50 miliardi di dollari e fa profitti che le compagnie di taxi neppure sisognano la notte, perché non sono in grado di sognare quelle cifre)contro il monolitico, arrogante, monopolista  mostro tentacolare cheapprofitta dei bisogni dei cittadini per portarli scomodamente e per unsacco di soldi dal punto A al punto B, trattandoli male lungo iltragitto.

Ora questo è fin troppo facile: quando a destra del "contro" hai "laLobby dei Tassisti", è chiaro che sono tutti portati a fare il tifo perchi sta a sinistra, fosse pure l'ebola o i nazistidell'Illinois.

Però è sbagliato.

L'inquadramento corretto è "Uber contro le leggi dello Stato in cuiopera".

Così cambia tutto, eh? E sicuramente siamo d'accordo sul fatto che leleggi possono essere inadeguate, non al passo con i tempi, promulgate intempi in cui non esistevano le tecnologie e soprattutto la mentalitàcorrente. Ed è certo che andranno pensate nuove leggi più moderne, piùgenerali, per regolamentare fenomeni come Uber, il suo modello dilavoro, la sua proposta di valore. Ma adesso le leggi sono queste eUber non le rispetta. E non solo inItalia.Il fatto che il servizio sia comodo (lo è), non conta. Il discorso dellacreazione di posti di lavoro (illegali) non conta.

E' qualcosa che ha imparato beneMonkeyParking.Un'app per trovare parcheggio a San Francisco che prima ha fattoinfuriare tutta lacittàcon il suo modello di business, ritenuto parassitico dato chemonetizzava a scopi privati un bene pubblico, e poi è tornata allacarica,stavolta nel rispetto delle leggi.

L'articolo che racconta del ritorno di MonkeyParking dice una cosagiustissima:

[...] unlike so many spawn of "the sharing economy," in whichlobbying, post-facto, for forgiveness is more profitable than asking,beforehand, for permission [...]

Quelle virgolette attorno a sharing economy sono giustissime.

Gli stessi problemi di Uber li stanno vivendo o stanno per viverli anchealtre aziende che si pongono come intermediari, apparentemente terzi,tra chi ha bisogno di un servizio e chi lo offe. Il discorso è uguale:le leggi attuali non sono sicuramente deguate, ma sono quelle e vannorispettate.

++

Norton si autorappresenta come imperatore, le persone attorno a luiaccettano e alimentano questa rappresentazione. Norton è statoimperatore degli Stati Uniti.

Uber si autorappresenta come il campione della mobilità popolare controi tassisti quanto meno inefficienti. Uber è il campione della mobilitàpopolare.

Il nostro cervello è fatto così: gli dai uno scherma, un cassetto bendefinito in cui riporre un concetto ed è contento.

Il potere della narrazione è questo, si può usare per una storiaromantica come quella di un uomo che si è proclamato imperatore e di unacittà che gli è andata dietro, o per fare soldi senza guardare in faccianulla e nessuno.

Un'estate mi interrogavo con degli amici sul perché raccontiamo storie.Non ricordo chi disse che secondo lui è perché abbiamo paura di morire equindi tramandiamo con le storie le memorie, sperabilmente la memoria dinoi stessi.

E' di nuovo estate, ho voglia di birra e amici e storie.

++

DrunkShoppingè un'idea geniale. Mandate un sms per attivare il servizio e quando èmaggiore la possibilità che siate quanto meno alticci, le 2 del mattinodi sabato, vi arrivano per sms suggerimenti per acquisti senza senso.

Capito, per sms, senza bisogno di app!

Capito, senza bisogno di profilazione: l'un per l'altro, se a uno piacel'idea e sta al gioco, le possibilità che sia ubriaco di sabato nottesono alte!

++Per favore, inoltra la newsletter ai tuoi amici se la troviinteressante. O parlane sul tuo social network preferito*. *Puoiusare questo testo se non vuoi scriverne tu uno:*Con Apofenia ho imparato un sacco di storieda raccontare alle feste. Tipo quella di Norton I. Iscriviti anchetu http://apofenia.voxmail.it/user/register*++

Come disse Baricco, non sei fregato veramente finché hai da parte unabuona storia, e qualcuno a cui raccontarla.Alla prossima!

ANRoma2015

Andrea Nicosia

Andrea Nicosia

Uso e insegno a usare storie, strumenti narrativi e design fiction per campagne di marketing e influenza, progettazione di prodotti e servizi.